Archivi per febbraio 2017

Credito Siciliano, cedole non in linea con il rischio del bond

Credito Siciliano

Nel panorama italiano vi sono diversi istituti di credito che sono diventati emittenti speculativi, high yield se preferite l’accezione anglosassone. Ciò significa che queste banche presentano una situazione patrimoniale non rassicurante e l’investitore dovrebbe non concentrare l’esposizione verso questi players e, soprattutto, richiedere un’adeguata remunerazione. E il riferimento non è […]

Fundquest Ethisworld, battuto dagli ETF responsabili

v

Negli ultimi tempi l’interesse verso gli investimenti etici e/o socialmente responsabili è cresciuto molto. Sia aziende che privati cercano sempre più di coniugare il ritorno economico di un investimento con la propria impostazione etica. Di conseguenza, sempre più prodotti permettono di optare per investimenti sostenibili. Una lettrice di Plus24 ci […]

Con il social bond di UBI solo i clienti aiutano il FAI

Social Bond

È possibile coniugare gli investimenti finanziari con le “buone azioni”? Certamente. Nel mondo anglosassone da tempo vengono emesse obbligazioni che prevedono che una parte della redditività, oppure del capitale investito, venga retrocessa a un’associazione che persegue una finalità sociale. E in Italia, tra le banche Ubi è quella che sempre […]

MolMed, a 8 anni dal debutto ha perso il 65%

MolMed

Per La posta del risparmiatore, rubrica di Plus24, abbiamo risposto al quesito di un lettore in merito alle azioni MolMed. Egli scrive: “Sono in possesso di 15mila azioni Molmed comprate a 0,455 euro. Nel vostro studio di metà settembre, quando il titolo quotava 0,5 euro voi avevate pronosticato un target […]

Fondi Azionari Paesi Emergenti, pochi i gestori che “emergono”

Fondi Azionari Paesi Emergenti

Il comparto dei fondi azionari Paesi Emergenti comprende un gruppo abbastanza omogeneo di prodotti, anche se non mancano strumenti che seguono specializzazioni un po’ particolari. Ve ne sono alcuni, ad esempio, che dichiarano nel benchmark una quota di titoli di Stato della zona Euro (5%-10%), mentre altri si concentrano solo […]