Banca di Piacenza? Stabile, ma meglio diversificare

Le piccole banche italiane sono frequentemente presenti nei portafogli degli investitori italiani. Spesso per motivi quasi affettivi, molti risparmiatori possiedono delle azioni degli istituti locali ai quali affidano il loro denaro. A tale proposito, un lettore ha chiesto informazioni a proposito della Banca di Piacenza. Egli scrive: “Seguo con molto interesse i vostri articoli sulla solidità delle banche minori. Vorrei chiedere il vostro prezioso parere riguardo la Banca di Piacenza. La nostra famiglia ha un legame fiduciario con la Banca di Piacenza che si tramanda nel tempo. Ho investito parte dei miei risparmi nelle azioni della banca così come anche quelli di mia madre. Le azioni della banca di Piacenza non sono quotate in Borsa. Allo sportello ho avuto solo risposte evasive che non mi hanno rassicurata sulla solidità della banca. Vorrei evitare di finire come i risparmiatori di Banca Etruria. Cosa mi consigliate?”

La Banca di Piacenza nasce nel 1936 con l’obiettivo di sostenere le iniziative del territorio. Pur mantenendo l’identità di banca locale, nel corso degli anni si è espansa fino ad avere sedi anche nelle provincie circostanti. Si tratta di un istituto di dimensioni medie, come evidenzia un fatturato nel 2015 di poco più di 100mln€ e la presenza di oltre 500 dipendenti.

Sul sito della banca la sezione dedicata all’informativa al pubblico non appare adeguata. Non risulta agevole trovare il bilancio al 31 dicembre 2015. Dai dati rinvenuti si osserva un CET1 ratio, utilizzato come indicatore della solidità di una banca, del 18,3%. Ben superiore ai requisiti minimi regolamentari, nonché ai valori dei principali istituti nazionali e della media delle banche popolari.

Nel 2015 la banca ha chiuso con un utile netto di 12,4 milioni di euro, in crescita del 22% rispetto al 2014 e doppio rispetto al 2013. Lo scorso aprile ha distribuito un dividendo di 0,85 euro per azione, anch’esso in crescita rispetto all’anno precedente. La raccolta complessiva da clientela ed il risultato netto della gestione finanziaria sono rimasti pressoché costanti. Il margine di interesse ha mostrato una flessione rispetto al 2014, assestandosi a 43 milioni (49 milioni di euro in precedenza).

Il rapporto tra sofferenze nette e impieghi netti risulta molto contenuto, 3,12%. Inferiore rispetto alla media del sistema bancario nazionale. Il Roe risulta poco superiore al 4%, in crescita rispetto al 2014.

L’assemblea ha determinato un prezzo per azione di 49,1 euro mentre il valore derivante dal rapporto tra patrimonio netto e numero di azioni è pari a 37,2 euro; questo significa che il prezzo dell’azione risulta ben superiore ai multipli a cui scambia una banca paragonabile per qualità come Credem.

La banca può essere considerata in salute ma, a prescindere dall’appetibilità dell’istituto, non possiamo che ribadire il consiglio di lasciare gli investimenti in singoli titoli, specialmente se non quotati, unicamente agli operatori qualificati. Rispondiamo già frequentemente a lettere di risparmiatori che non sanno come smobilizzare titoli di questo tipo o come determinare il valore del proprio investimento.

Per assumere esposizione sul mercato italiano è preferibile puntare sui numerosi ETF e fondi comuni disponibili. Essi permettono una maggior diversificazione del proprio investimento e risultano facilmente negoziabili.

 

Leggi l’articolo completo

 

Marcello Rubiu

Marcello Rubiu

Sono laureato in Scienze Statistiche e in Economia e Commercio alla Università Cattolica di Milano. Dopo un esperienza nel comparto industriale mi occupo di investimenti dal 1999 e sono socio fondatore di Norisk.