Fondi Bilanciati Flessibili EUR Globali, con gli ETF non c’è partita

La categoria dei Bilanciati Flessibili EUR Globali comprende un gruppo di fondi caratterizzati da un’ampia delega affidata al gestore. Egli ha la possibilità di spostarsi, a suo piacimento, da un’esposizione totalmente azionaria a un’asset allocation molto conservativa. A tale categoria è possibile assegnare un benchmark replicato da una semplice strategia in ETF: 50% di un prodotto sul MSCI World, indice azionario globale, e 50% di un prodotto sul Barclays Euro Aggregate Bond, indice delle obbligazioni in Euro. Abbiamo analizzato i fondi di questa categoria per la consueta rubrica mensile di Plus24, settimanale de Il Sole24 Ore.

Le puntate precedenti:

Obbligazionari Diversificati Eur
Azionari Italia

 

Leggi l’articolo completo

 

Molto spesso nelle brochure dei prodotti appartenenti a questa categoria si proclama una forte reattività alle condizioni di mercato e l’assenza del benchmark viene enunciata come un atto liberatorio dal lacciuolo dello stesso. Infatti, ben 99 fondi non dichiarano un parametro di confronto e altri 17 ne proclamano uno monetario.

Se poi ad un benchmark teorico si sostituisce una strategia comparabile in ETF, con costi irrisori, ben si comprende questa scelta di non voler essere confrontati, se non con altri prodotti che condividono gli stessi limiti. È tuttavia importante sottolineare come, all’interno della categoria, vi siano fondi piuttosto eterogenei per livello di rischio.

La metodologia utilizzata nell’analisi consente di standardizzare i rendimenti rispetto alla rischiosità registrata, rendendoli quindi comparabili con la strategia in ETF. Essa viene implementata esponendosi per il 50% su uno strumento azionario (iShares Core MSCI World UCITS ETF, IE00B4L5Y983) e per il 50% su uno obbligazionario (SPDR Barclays Euro Aggregate Bond UCITS ETF, IE00B41RYL63). Il ribilanciamento è stato effettuato trimestralmente, considerando costi di intermediazione e imposte.

Dall’analisi emerge che solo 5 fondi su 207 ottengono una performance maggiore della strategia in ETF e scendono a 2 se si considera la performance risk-adjusted (RAP). Tra questi, uno evidenzia anche la persistenza della overperformance, mentre l’altro fornisce un segnale neutrale.

Tra gli strumenti dimensionalmente più importanti nessuno supera la strategia in ETF. Amundi Patrimoine C (FR0011199371), 4 mld€ di masse gestite (AuM), ha prodotto 1040€, su 1000 investiti 3 anni fa, rispetto a 1280€ ottenuto dai “cloni”. I risultati appaiono disastrosi anche considerando il RAP (1069€ rispetto a 1303€ della strategia in ETF).

Mediolanum BB Coupon Strategy Collection, 3,8 mld€ di AuM (IE00B55WL680 la versione coperta sul tasso di cambio, IE00B3L7LQ33 senza copertura), evidenzia risultati decisamente inferiori al termine di paragone adottato, con un RAP pari ad appena 1080€ nella versione “hedged”. Appare evidente come le spese correnti annue, pari al 3.36%, assommate alle performance fee dello 0,8%, abbiano penalizzato i rendimenti registrati dai risparmiatori.

Anche M&G Dynamic Allocation Euro A Acc (GB00B56H1S45), 3,1 mld€ di AuM, non riesce ad eguagliare i rendimenti della soluzione in ETF, sia come incremento di capitale in termine assoluti (1241€) che risk-adjusted (1218€).

Se analizziamo i fondi con spese correnti maggiori del 4%, si nota come abbiano registrato risultati davvero disastrosi. Oltre a quelli presenti in tabella segnaliamo due prodotti di Consultinvest, Consultinvest Multimanager Medium Volatility C (IT0004885528) e Consultinvest Multimanager High Volatility A (IT0004932163), che rispettivamente hanno addebitato il 4,94% e il 4,86%, facendo registrare un incremento minimo del capitale investito.

 

Leggi l’articolo completo

 

Bilanciati Flessibili EUR Globali – I fondi migliori:

LU0940650624   Memnon Active Risk Parity Fund R USD
IT0003978431     Fondersel World Allocation
LU0941349192    Pictet-Multi Asset Global Opportunities P EUR
LU0694238501   Morgan Stanley Global Balanced Risk Control A Acc
AT0000785381   Raiffeisen-Nachhaltigkeitsfonds-Mix VT

 

I fondi peggiori:

LU0166422070   Invesco Global Conservative Fund E Acc
IT0004290893   Agora Stars
FR0010863548   Neuflize Ambition AH Euro Hedge
LU0294905467   Arkess Sicav Global Flex R Acc
LU0881535537    Pharus SICAV Prestige Class A

 

Quando l’overperformance svanisce

Eurizon EasyFund Azioni Strategia Flessibile (LU0497415702), 3,6mld€ di AuM tra il 2010 e il 2013 ha fatto registrare un +5.8% rispetto alla strategia in ETF comparabile. Nel triennio successivo gli esiti si sono però ribaltati: -12.6% rispetto alla soluzione in “cloni”, seppur palesando un rischio inferiore. In questo periodo, avendo investito 1000€ all’inizio, avrebbe ottenuto 1198€ risk-adjusted, mentre la strategia in ETF 1303€. Negli ultimi 6 anni il fondo non riesce a superare la soluzione passiva (RAP 1438€ rispetto a 1547€)

Eurizon EasyFund Azioni Strategia Flessibile LU0497415702

Eurizon EasyFund Azioni Strategia Flessibile LU0497415702

 

Conservativo ma soprattutto quasi passivo

Pictet-Multi Asset Global Opportunities R EUR (LU0941349275) ha ottenuto rendimenti, sia in € che risk-adjusted, inferiori alla strategia in ETF (50% azioni-50% bond). Il fondo presenta uno stile gestionale più conservativo e la sua dinamica è molto correlata con un’esposizione 25% azioni -75% bond, ottenendo comunque risultati inferiori anche rispetto ad essa.

Pictet-Multi Asset Global Opportunities R EUR LU0941349275

Pictet-Multi Asset Global Opportunities R EUR LU0941349275

 

Più rischi e meno rendimenti

UBI Global Dynamic Allocation Class B EUR (LU0937865722) è risultato molto correlato con la strategia in ETF (r2=0,87), ottenendo però risultanti piuttosto deludenti. Oltre ad una performance dimezzata rispetto alla soluzione passiva, ha presentato anche una maggiore erraticità dei rendimenti, con un max drawdown del 20% (13% per gli ETF). Nell’ultimo triennio ha ottenuto 1126€, mentre la strategia in ETF 1303€ (su 1000€ investiti ad inizio periodo, risk/adjusted). Il gestore ha quindi imbarcato rischio in momenti sbagliati.

UBI Global Dynamic Allocation Class B EUR LU0937865722

UBI Global Dynamic Allocation Class B EUR LU0937865722

L’emblema della debacle totale in questa categoria

Consultinvest possiede ben 4 fondi appartenenti a questa categoria, ottenendo risultati molto discutibili: Consultinvest MM Low Volatility C (IT0004885460), Consultinvest Flex A (IT0004369531), Consultinvest MM Medium Volatility C (IT0004885528) e Consultinvest Opportunities C (IT0004885577) non si sono nemmeno avvicinati alla soluzione in ETF comparabile (negli ultimi 3 anni +10.3% il migliore, +2.8% il peggiore, +28% la strategia in ETF). Persino un investimento solo obbligazionario, anche in BTp, avrebbe conseguito maggiori rendimenti.

Fondi Consultinvest

Fondi Consultinvest

 

Marcello Rubiu

Marcello Rubiu

Sono laureato in Scienze Statistiche e in Economia e Commercio alla Università Cattolica di Milano. Dopo un esperienza nel comparto industriale mi occupo di investimenti dal 1999 e sono socio fondatore di Norisk.