Cosa bolle in pentola per Mediolanum RE

L’attività di dismissione attuata dai fondi immobiliari ha registrato alla fine del 2016 una forte accelerazione. Molto spesso compromettendo i risultati economici dei prodotti prossimi alla scadenza.

Valore Imm. Globale (IT0001260113) ha venduto un immobile a uso logistico a S. Giuliano Milanese ad un prezzo di 13 milioni di euro. Rispetto a un costo storico di 34,2 milioni di euro, che considera anche un pesante intervento di riqualificazione per 9,8 milioni di euro. Il valore di vendita eccede l’ultima stima effettuata dall’esperto indipendente pari a 8,2 milioni di euro.

Vi sono anche delle eccezioni alle svendite natalizie. Polis (IT0001426342) ha ceduto la torre a uso uffici situata a Milanofiori Nord ad Axa Invest. Managers per 45 milioni di euro, inferiore del 6,4% al valore di bilancio e al prezzo di carico di 49,7 milioni di euro. Si tratta di una cessione non esaltante per i quotisti ma nemmeno pregiudizievole. Comporterà un generoso rimborso nei prossimi mesi, circa 340 euro pro-quota su un prezzo corrente di 814 euro.

Nell’ultimo mese la dinamica borsistica dei fondi immobiliari ha registrato un calo medio del 4,2% rispetto a un progresso dell’indice immobiliare domestico (Ftse Epra Italy) del 14%. Il declino è stato indotto dal tracollo di Obelisco (IT0003896922, -52,8%), InvestReal Security (-45,6%) e Tecla (IT0003554349, -18%).

Da segnalare il forte rialzo di Mediolanum RE B (IT00039222499), +12,8%. Si sta riavvicinando ai prezzi dell’Opa avvenuta la passata estate, peraltro evidenziando scambi abbastanza vivaci.

 

Leggi l’articolo completo

 

Marcello Rubiu

Marcello Rubiu

Sono laureato in Scienze Statistiche e in Economia e Commercio alla Università Cattolica di Milano. Dopo un esperienza nel comparto industriale mi occupo di investimenti dal 1999 e sono socio fondatore di Norisk.