Fondi Azionari Tecnologia, solo tre gestori reggono il confronto con l’ETF

Il settore tecnologico occupa uno spazio importante nell’immaginario collettivo del risparmiatore. È considerato quasi un sinonimo di performance e volatilità e, negli ultimi tre anni, l’ETF Lyxor MSCI World Information Technology TR UCITS ETF (LU0533033667), che replica il mercato tecnologico globale, ha registrato un incremento dell’85,6%. Per Plus24, settimanale de il Sole24Ore, abbiamo analizzato i fondi appartenenti alla categoria Azionari Tecnologia, confrontandoli con l’ETF sul comparto.

Le puntate precedenti:

Azionari Paesi Emergenti
Bilanciati Flessibili EUR – Globali
Obbligazionari Diversificati Eur
Azionari Italia

 

Leggi l’articolo completo

 

Il comparto tecnologico, negli ultimi anni, è cresciuto talmente tanto che è stato pressoché impossibile fare male in valore assoluto. Ci si poteva però attendere che, con una specializzazione così particolare, l’analisi delle singole società avrebbe potuto creare ulteriore valore e, quindi, extra-rendimento rispetto a quanto ottenibile dall’ETF.

Al contrario, escludendo le classi multiple, solo tre fondi attivi specializzati su questo settore hanno fatto meglio dell’ETF. Il peso dei costi ha contribuito a comprimere le performance ottenute con le scelte attive. Inoltre, il mercato dei titoli tecnologici è ormai molto liquido ed efficiente e, quindi, i prezzi di Borsa incorporano tutte le informazioni disponibili, complicando il lavoro dei gestori.

L’applicazione della metodologia “risk-adjusted” consente di comparare i fondi che presentano profili di rischio differenti, pur condividendo il medesimo focus d’investimento. I risultati confermano quanto evidenziato dall’analisi delle mere performance e sono gli stessi tre fondi ad essere promossi, grazie a un Rap superiore a quello dell’ETF e alla persistenza della overperformance misurata con l’indicatore “Sortino ponderato”.

Vi sono alcuni fondi che dichiarano benchmark diversi rispetto all’ETF. Fidelity Global Technology (LU0099574567 e LU0115773425), ad esempio, può investire anche nei titoli tecnologici dei Paesi Emergenti, mentre l’ETF si concentra solo sulle società dei Paesi sviluppati. Tale fondo si conferma piuttosto brillante non solo rispetto all’ETF globale ma anche rispetto al benchmark dichiarato. Anche altri fondi hanno focus di investimento più concentrati, ma queste differenze rispetto all’indice sottostante l’ETF non modificano il giudizio sullo strumento.

Tra i fondi che gestiscono masse ingenti emergono diverse delusioni: Pictet Digital (LU0340554913 e LU0101692670), oltre 1 miliardo di Aum, ha registrato performance molto inferiori a quelle dell’ETF, visto che il Rap differenziale a 3 anni, rispetto al clone, è risultato pari a -227 euro su 1.000 investiti. Anche l’Henderson Horizon Global Technology (LU0070992663 e LU0572952280), oltre 2 miliardi di Aum, ha registrato un Rap differenziale rispetto all’Etf pari a -142 euro. Le spese correnti medie di questo comparto sfiorano il 2% e sono da confrontare con appena lo 0,4% addebitato annualmente dall’ETF.

Non è un caso che il fondo più oneroso, Mediolanum BB Global Tech SA (IE0009623046 e IE0009623715), TER 3.73%, sia risultato tra i peggiori della categoria. Se guardiamo ai fondi con spese correnti maggiori del 2,5%, solo quello di Fidelity si merita le provvigioni che addebita. Gli indicatori R2 molto elevati evidenziano in generale come, in questi fondi, le scelte di gestione attiva siano in genere contenute. Eurizon EasyFund High Tech (LU0114066961) dichiara ufficialmente di discostarsi il meno possibile dal benchmark, presentando però spese correnti piuttosto elevate (2,12%).

 

Leggi l’articolo completo

 

Fondi Azionari Tecnologia – I migliori:

LU0099574567 Fidelity Funds – Global Technology Fund A-EUR
AT0000688866 Raiffeisen-Technologie-Aktien VT
LU0444971666 Threadneedle (Lux) Global Technology Class AU
LU0823422497 Parvest Equity World Technology Privilege-Capital
LU0114066961 Eurizon EasyFund – Equity High Tech LTE – R

 

I peggiori:

IE00B5THWW23 GAM Star Technology USD Acc
LU0348723411 Allianz Global Hi-Tech Growth A USD
IE0009623046 Mediolanum BB Global Tech Collection L Acc
LU0117885052 JPMorgan Funds – US Technology Fund D (acc)
LU0252219315 AB SICAV I – International Technology Portfolio A Acc

 

Quando l’overperformance svanisce…

Il fondo GAM Star Technology USD Acc (IE00B5THWW23) nel triennio 2011 al 2014 ha ottenuto performance davvero brillanti, conseguendo un rendimento addizionale del 31.9% rispetto all’ETF comparabile. Purtroppo per chi l’avesse scelto 3 anni orsono, sulla base dei risultati passati, sarebbe stata una scelta infelice:  il fondo, nel triennio successivo, ha ottenuto performance inferiori del 37.9% rispetto a quanto ottenuto dal clone.

IE00B5THWW23 GAM Star Technology USD Acc

IE00B5THWW23 GAM Star Technology USD Acc

L’extra-rendimento a corrente alternata

Se l’analisi su Threadneedle Global Technology (LU0444971666 ) l’avessimo svolta 3 anni fa avremmo giudicato negativamente i rendimenti del fondo, inferiori del 14.8% rispetto all’ETF paragonabile. Nei 3 anni successivi, però, le (s)fortune del fondo si sono invertite e il gestore è riuscito a surclassare l’ETF usato come confronto di circa il 22%, seppur evidenziando una rischiosità maggiore. Chi avrebbe acquistato però il fondo 3 anni fa?

LU0444971666 Threadneedle(Lux) Global Technology AU

LU0444971666 Threadneedle(Lux) Global Technology AU

Se il fondo è in realtà un ETF

Parvest Technology (LU0823421689) è risultato uno dei migliori tra i fondi attivi eppure non è riuscito a far meglio dell’ETF negli ultimi 3 anni, evidenziando una dinamica pressochè uguale a quella del clone. Un R2 maggiore di 0,9 mostra il basso contenuto di gestione attiva, a segnalare come il fondo sostanzialmente si limiti a replicare il mercato, con costi nettamente maggiori. La replica dell’ETF, però, riesce nel medio periodo: a 5 anni, infatti, il fondo perde quasi il 10%.

LU0823421689 Parvest Equity World Technology C

LU0823421689 Parvest Equity World Technology C

Il “doppio fondo” non viaggia alla velocità dell’ETF 

Mediolanum gestisce due fondi differenti sulla tecnologia mondiale, con risultati deludenti per entrambi. BestBrands Global Tech (IE0009623046), 3,2% di spese correnti, ha registrato performance triennali inferiori del 46% rispetto all’ETF, ma anche il Challenge Tech (IE0004621052) ha perso la sfida con lo strumento passivo. Se andiamo a standardizzare per il rischio l’investimento di 1000€ e durata triennale, BestBrands avrebbe prodotto 1529€, Challenge Tech 1743€, mentre la strategia in ETF 1956€.

Fondi Mediolanum

Fondi Mediolanum

 

 

Marcello Rubiu

Marcello Rubiu

Sono laureato in Scienze Statistiche e in Economia e Commercio alla Università Cattolica di Milano. Dopo un esperienza nel comparto industriale mi occupo di investimenti dal 1999 e sono socio fondatore di Norisk.