Fondi Consultinvest bilanciati, commissioni e delusioni

Nella categoria Bilanciati Flessibili EUR – Globali di Morningstar vi sono 7 differenti fondi Consultinvest con almeno tre anni di storia. Pur implementando diverse strategie di investimento hanno tutti in comune due caratteristiche: commissioni abbondanti e rendimenti poco esaltanti.

I fondi bilanciati sono quelli più presenti nei portafogli degli investitori italiani. Forniscono un’esposizione sia al mercato azionario che a quello obbligazionario, con un livello di rischio variabile a seconda del prodotto. Un’interessante soluzione di investimento per un risparmiatore che, attraverso un unico strumento, vuole diversificare adeguatamente il proprio capitale.  C’è però un piccolo problema: spesso si tratta di prodotti costosi ed inefficienti.

I fondi della categoria Bilanciati Flessibili EUR – Globali confermano questa considerazione. Nella nostra analisi pubblicata su Plus24 in passato (Fondi Bilanciati Flessibili EUR Globali, con gli ETF non c’è partita) avevamo evidenziato come solo 2 su 207 fondi disponibili riuscissero a fare meglio di una paragonabile strategia in ETF.

All’interno di questa categoria, i fondi Consultinvest si distinguono in negativo. 7 prodotti disponibili, nessuno dei quali supera la prova degli ETF.

 

I fondi Consultinvest disponibili

I fondi disponibili per gli investitori retail sono:

  • Consultinvest Opportunities A: 3% spese di sottoscrizione, 6% di rimborso, 1.97% di spese correnti;
  • Consultinvest Multimanager High Volatility A: 3% sottoscrizione, 6% rimborso, 5.06% spese correnti;
  • Consultinvest Multimanager Medium Volatility A: 3% sottoscrizione, 6% rimborso, 4.74% spese correnti;
  • Consultinvest Multimanager Low Volatility A, 3% sottoscrizione, 6% rimborso, 2.86% spese correnti;
  • Consultinvest Flex A: 3% sottoscrizione, 6% rimborso, 3.77% spese correnti;
  • Igm Fondo di Fondi Flessibile A: 2.62% di spese correnti;
  • Igm Fondo di Fondi Bilanciato Azionario A: 2.04% di spese correnti.

Come si può facilmente osservare, tutti i fondi presentano delle spese davvero consistenti, che non possono che influenzare negativamente i rendimenti.

Bisogna sottolineare come vi siano disponibili anche le classi senza spese di sottoscrizione/rimborso. Tali commissioni, inoltre, sono solitamente trattabili con il proprio intermediario e, talvolta, sono alternative. I fondi prevedono inoltre il prelievo di commissioni legate al rendimento, anche se nel 2016 non sono state prelevate.

 

Il confronto con l’alternativa in ETF

Morningstar assegna alla categoria un benchmark composto al 50% da un indice azionario globale, replicato dall’iShares Core MSCI World UCITS ETF (IE00B4L5Y983) e al 50% da un indice obbligazionario, investibile attraverso lo SPDR Barclays Euro Aggregate Bond UCITS ETF (IE00B41RYL63).

Tale strategia è facilmente implementabile, per altro a costi molto contenuti: 5€ ad operazione con un intermediario online come Directa, a cui aggiungere lo 0.19% di spese correnti annue degli ETF.

Il confronto con i fondi Consultinvest appare impietoso. Ipotizzando di investire 10,000€ e di corrispondere unicamente le commissioni di ingresso:

I costi dei fondi Consultinvest e della strategia in ETF.

I costi dei fondi Consultinvest e della strategia in ETF.

Come si può osservare, nella “gara” con la strategia in ETF, i fondi partono con un fardello commissionale piuttosto consistente. Come correre i 100 metri con uno zaino pieno di pietre sulle spalle e sperare di far meglio degli altri concorrenti non zavorrati.

Le performance di borsa, inevitabilmente, confermano l’impietoso confronto.

 

Le performance di borsa

Negli ultimi tre anni nessuno fondo è riuscito a tenere testa alla strategia in ETF. Due, addirittura, sono riusciti a perdere soldi un in periodo complessivamente positivo per il mercato.

Il fondo che fa “meglio” è Consultinvest Opportunities, il cui investimento avrebbe reso circa 150€ in meno della strategia in ETF, a fronte di un rischio maggiore. Considerando le performance corrette per il rischio, infatti, il differenziale rispetto alla strategia passiva aumenta.

Il confronto tra le performance dei fondi Consultinvest e la strategia in ETF.

Il confronto tra le performance dei fondi Consultinvest e la strategia in ETF.

 

La suddivisione dei guadagni

È interessante, infine, capire come siano stati suddivisi i guadagni degli investimenti nei fondi Consultinvest tra il risparmiatore e la SGR.

Considerando le commissioni corrisposte, sia attraverso le spese correnti che quelle di ingresso, Consultinvest ha guadagnato, nel peggiore dei casi, 613€ in 3 anni. Nel migliore, 1,753€.

Il risparmiatore invece, con ben 4 fondi su 7 avrebbe perso denaro, mentre nella migliore delle ipotesi avrebbe guadagnato 405€. Da sottolineare anche come, due volte, l’investitore si sarebbe trovato con meno soldi anche in caso di variazione positiva del valore del fondo.

Con la strategia in ETF, invece, ne avrebbe intascati 873€. Gli emittenti di ETF 59€.

Chi ci guadagna? Suddivisione dei guadagni tra risparmiatore e SGR per i fondi Consultinvest e la strategia in ETF.

Chi ci guadagna? Suddivisione dei guadagni tra risparmiatore e SGR per i fondi Consultinvest e la strategia in ETF.

 

Nonostante questi numeri, alcuni fondi ricevono addirittura 3 stelle da Morningstar….

 

 

Marcello Rubiu

Marcello Rubiu

Sono laureato in Scienze Statistiche e in Economia e Commercio alla Università Cattolica di Milano. Dopo un esperienza nel comparto industriale mi occupo di investimenti dal 1999 e sono socio fondatore di Norisk.

La società aderisce all'Arbitro delle Controversie Finanziarie (ACF)