Il mal di tassi non stende i fondi immobiliari quotati

Il timore sull’aumento dei tassi di interesse ha indotto un forte calo degli strumenti legati al mondo immobiliare. L’indice Ftse Epra/Nareit Eurozone è arrivato a perdere l’8% dai massimi di gennaio e anche le Siiq domestiche hanno segnato un deciso ritracciamento. I fondi immobiliari, invece, hanno limitato i danni.

L’investimento nel real estate è molto influenzato dal livello dei tassi di interesse, essendo un business caratterizzato dall’ampio utilizzo del debito.

I fondi chiusi immobiliari, invece, hanno registrato un comportamento più difensivo (-2%). Non sono mancati i rialzi come, ad esempio, Atlantic 1 (+0,6%), Immobiliare Dinamico (+0,9%) e Socrate (+1,6%).

Sono stati registrati scambi piuttosto intensi su Amundi RE Europa (-3,8%) e su Unicredito Immobiliare Uno (-0,8%). Tra scambi molto contenuti i peggiori sono risultati Obelisco (-7,8%) e Mediolanum RE – A (-5,9%).

Il fondo Atlantic 2 ha comunicato di aver sottoscritto il preliminare di vendita del portafoglio “Atlantide”, composto da otto immobili. Il valore di vendita è di appena 21 milioni di euro, valore piuttosto distante da quello di acquisto.

Tecla ha approvato il rendiconto intermedio di liquidazione, portando il patrimonio netto a 61,13 euro. Segnaliamo come, in data 09 gennaio 2018, il fondo abbia effettuato il rimborso parziale di 38,66 euro.

Atlantic 1 ha convocato l’assemblea per nominare il presidente e i membri del Comitato Consultivo.

 

Leggi l’articolo completo:  Il mal di tassi non stende i fondi immobiliari quotati

 

Marcello Rubiu

Marcello Rubiu

Sono laureato in Scienze Statistiche e in Economia e Commercio alla Università Cattolica di Milano. Dopo un esperienza nel comparto industriale mi occupo di investimenti dal 1999 e sono socio fondatore di Norisk.