Fondi Immobiliari, occasioni e consigli operativi

Fondi Immobiliari, occasioni e consigli operativi

Conviene investire nel mattone di carta? È vero che i fondi sono rischiosi perché illiquidi? Quali strumenti scegliere da inserire nel portafoglio? Consigli operativi e profili d’investimento con i fondi immobiliari quotati a Piazza Affari, in un momento di difficoltà per il settore ed uno sconto di mercato del 50%.

Allungamento delle scadenze, proroghe e periodi di grazia, sconti in alcuni casi eccessivi. Sono molti i temi che toccano da vicino il segmento dei fondi immobiliari, il cosiddetto mattone di carta, ossia quell’investimento in real estate, tramite strumenti quotati in Borsa, che appartiene al segmento”alternativo” del mercato finanziario. Una tipologia di impiego del capitale così vicina al tangibile mattone da essere appetibile agli occhi di un investitore retail.

Se durante la crisi finanziaria abbiamo vissuto una stagione di esodo in massa degli investimenti alternativi, in particolare dai fondi hedge, oggi con i valori delle asset class tradizionali ai massimi storici, in buona parte per effetto delle politiche ultra espansive delle principali banche centrali, gli investitori a livello globale stanno tornando ad orientare il loro sguardo verso asset class alternative.

In Italia son0 24 i fond immobiliari quotati su Borsa Italiana destinati al segmento retail. Fondi che, nella maggior parte dei casi, hanno usufruito della proroga pluriennale per dismettere gli immobili, alla quale si può aggiungere il periodo di grazia, da motivare ma non più da sottoporre al vaglio della Banca d’Italia, e che si apprestano ad arrivare alla scadenza in un momento critico per il mercato immobiliare.

L’avvicinarsi delle scadenze ha portato Assogestioni a studiare una modifica normativa per estendere la durata dei fondi, un rischio che il mercato sta prezzando con svalutazioni implicite degli asset immobiliari, in alcuni casi molto importanti, e, secondo gli esperti, forse poco giustificate.

 

Leggi l’articolo integrale

Stefano Testori
stefano.testori@norisk.it

Senior investment analyst, laureato in Economia dei mercati ed intermediari finanziari presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. E’ specializzato nella valutazione di strumenti derivati e sul mercato globale degli ETF.