Se i tassi si muovono…

Se i tassi si muovono…

Si muovono al rialzo i saggi di mercato, spingendo al ribasso gli strumenti a spiccato contenuto reddituale e quelli focalizzati sul real estate. I fondi chiusi immobiliari continuano il recupero.

Nel mese di maggio si è assistito, tra l’incredulità generale, ad un rialzo dei tassi di interesse di mercato nella parte lunga della curva con il saggio euroswap a 10 anni che si è innalzato dal minimo storico dell’1.4% all’attuale 1.75%. Invece la versione in dollari del tasso si è spinta a quota 2.35%, ai massimi degli ultimi 12 mesi.

La reazione dei mercati è stata caratterizzata dalla discesa degli assets con focus “income” ovvero obbligazioni a reddito fisso, azioni con elevato dividend yield e veicoli immobiliari.

La tabella sottostante evidenzia il marcato ritracciamento registrato dagli indici immobiliari mondiali dopo l’esuberanza degli ultimi 12 mesi.

Nell’ultima settimana le quotazioni di mercato dei fondi immobiliari danno segnale di ripresa (+1.3%) con scambi in ripresa e consegnano un maggio finalmente soddisfacente agli investitori (+4%) e da inizio anno il progresso si porta a +11.5%.

Olinda (+1.8%) ha comunicato di aver venduto una galleria commerciale situata a Bergamo per 7.85 ml€ rispetto ad un costo storico di 8.8 ml€. Segnaliamo come il cespite fosse occupato e come dal 2005 il canone al mq sia passato dai 286€ ai 380€, così come si evince dal bilancio. Non era un immobile in difficoltà eppure lo yield di vendita si avvicina all’8% e con un prezzo/mq di 3925€.

E’ emerso che la sanzione comminata da Consob ad esponenti aziendali di BNP Paribas REIM Italy lo scorso anno ma diffusa recentemente, non riguardava Portfolio Immobiliare Crescita, già liquidato e su cui pende un contenzioso con un associazione di quotisti (ATPIC), ma sui 3 fondi tuttora negoziati a Borsaitaliana.

L’Sgr nell’agosto del 2012 ha ricorso alla giustizia ordinaria per chiedere di annullare la delibera e non pubblicare la notizia di sanzione nel bollettino Consob. In sede di dibattimento BNP Paribas REIM Italy ha affermato di temere l’estensione dei contenzioso ad altri quotisti di “Crescita”, al momento inattivi. Lo scorso febbraio la Corte d’appello di Milano non ha accolto le istanze della Sgr.

Ci risulta che vi siano investitori che individualmente abbiano intrapreso un contenzioso su Portfolio Immobiliare e su Immobiliare Dinamico, mentre su Estense, il migliore tra questi, sembra non vi siano azioni legali.

Per la dinamica prettamente borsistica emerge nuovamente la performance di Polis (+9%), ben +35% da inizio anno, che nell’ultimo mese ha ottenuto una seria ricopertura.

Altrettanto entusiasmante è stato il rialzo di Amundi RE Europa (+8.7%) che sembra puntare alla soglia psicologica dei 1000€ pro-quota, comunque distante dal NAV, pari a 2011€, così come rilevato nell’ultimo bilancio.

Si registrano ancora scambi superiori alla norma su Unicredito 1 (+0.3%), uno dei fondi che presenta valutazioni di mercato molto depresse che incorporano una svalutazione degli investimenti immobiliari pari al 57%.

QFNORISK_OK

Grafico 1 – Dinamica del QF-Norisk index (fondi chiusi immobiliari) rispetto a FTSE E/N Italy e EMU

Grafico 2 - Dinamica portafoglio NORISK RealEstate Focus

Grafico 2 – Dinamica portafoglio NORISK RealEstate Focus

Performance total return (€)

[tabella]

Nome fondo e scadenza;Focus;Prezzo;Quantità
Atlantic 1 (12/2013);Uffici/Commerciale;246.10;10
Atlantic 2 (12/2015);Uffici/Industriale;185.10;100
Estense G.D. (12/2013);Commerciale;2112.10;200
Europa Imm. 1 (12/2014);Uffici/Commerciale;470.10;80
FondoAlpha (06/2015);Uffici/Logistica;1010.10;40

[/tabella]

Marcello Rubiu
marcello.rubiu@norisk.it

Sono laureato in Scienze Statistiche e in Economia e Commercio alla Università Cattolica di Milano. Dopo un esperienza nel comparto industriale mi occupo di investimenti dal 1999 e sono socio fondatore di Norisk.