Social investing, gli ETF socialmente responsabili

Social investing, gli ETF socialmente responsabili

Dal settembre 2011 sono quotati in Europa, prima in Germania poi anche in Italia, degli ETF “socially responsible”, che  si inseriscono nel processo di ricerca di nuovi indici equity ampi, diversi dalla mera capitalizzazione di mercato. Per la sezione ETF del sito di Fineco (www.fineco.it) abbiamo analizzato le possibilità di utilizzare gli ETF per il social investing e le differenze rispetto ad indici più tradizionali.

Oltre alle inefficienze note da tempo, come l’effetto small cap, le società value piuttosto che growth, il comportamento sociale di un impresa potrebbe essere una variabile, non di natura finanziaria, in grado di spiegare almeno una parte del valore e dei prezzi di mercato. Già da tempo sono stati creati indici social investing, che effettuano una selezione di titoli in base a specifici criteri sociali. Ad esempio iShares quotò nel 2005 negli Stati Uniti i due ETF sul tema divenuti i più importanti, anche se ancor oggi rappresentano una fetta microscopica della ricchezza investita tramite ETF.

I due ETF quotati da più tempo sono l’ iShares MSCI KLD 400 Social ETF (ISIN US4642885705), basato sull’indice MSCI KLD 400 Social, e l’ iShares MSCI USA ESG Select Social ETF (US4642888022), che replica il MSCI USA ESG Select Social, primo indice “social”, lanciato nel lontano maggio 1990. Quest’ultimo rappresenta le 400 società a grande, media e piccola capitalizzazione, selezionate all’interno dell’indice MSCI USA Investable, con i rating ESG più elevati (Environmental, Social e Governance). Gli indici ESG integrano alla usuale analisi finanziaria dei criteri sulla governance e l’impatto ambientale e sociale, gli indici socially respnsible fanno un passo in avanti filtrando società che appartengono a settori considerati al di fuori di standard etici, come il gioco d’azzardo, alcolici, tabacco, armi ed energia nucleare.

Sui mercati europei UBS ha quotato una serie di ETF basati su indici MSCI Sociallly Responsible, la stessa famiglia dell’indice KLD: i titoli considerati dall’indice, oltre ad avere un elevato rating sociale, non appartengono a settori dell’energia nucleare, tabacco, scommesse, armi, OGM (organismi geneticamente modificati) ed “adult entertainment”.

I diversi fondi considerano macro aree geografiche, come l’UBS ETF – MSCI North America Socially Responsible UCITS ETF (LU0629460089), l’UBS ETF – MSCI World Socially Responsible UCITS ETF (LU0629459743), l’UBS ETF – MSCI Europe & Middle East Socially Responsible UCITS ETF (LU0629460675), l’ UBS ETF – MSCI Pacific Socially Responsible UCITS ETF (LU0629460832) e l’ UBS (Irl) ETF plc – MSCI United Kingdom IMI Socially Responsible UCITS ETF (IE00BMP3HN93).

 

Per i clienti Fineco, continua qui https://nuovosito.fineco.it/mercati-e-trading/pro/norisk/index_fineco.php/article/articleviewfineco/3902/

Marcello Rubiu
marcello.rubiu@norisk.it

Sono laureato in Scienze Statistiche e in Economia e Commercio alla Università Cattolica di Milano. Dopo un esperienza nel comparto industriale mi occupo di investimenti dal 1999 e sono socio fondatore di Norisk.