Unicredito Immobiliare 1, allunga. La durata.

Unicredito Immobiliare 1, allunga. La durata.

La pessima situazione del mercato immobiliare spinge un altro fondo, Unicredito Immobiliare 1 (IT0001358479), verso la proroga della durata di altri 3 anni. Le speranze su una possibile stabilizzazione della crisi economica anche in Italia continuano a crescere e altrettanto gli auspici che anche il comparto immobiliare possa perlomeno arrestare il forte declino subito negli ultimi anni.

Il punto critico per la ripresa rimane la scarsa volontà del sistema bancario di finanziare gli acquisti dei cespiti con un costo del funding accettabile. Sappiamo che sul lato della dinamica del credito erogato in Italia e in Europa è ancora notte fonda e c’è la possibilità che l’”asset quality review” possa accelerare ulteriormente il deleveraging, compromettendo la possibilità di una ripresa nel 2014.

Nel frattempo notizie positive dal segmento dei fondi chiusi immobiliari non né arrivano, ovvero dismissioni di cespiti a prezzi vicini all’ultima valorizzazione patrimoniale. Le Sgr piuttosto procedono con proroghe della durata come già avvenuto per Atlantic 1 e come stavolta è stato comunicato da Unicredito Immobiliare 1. Il fondo gestito da Torre Sgr ha comunicato di aver ridotto le commissioni annue di gestione dal 1.525% all’1.15%, compensando questo con la riduzione del target di rendimento dal 5% al 3%, aumentando così il valore atteso delle commissioni variabili da incamerare a scadenza.

Il veicolo ha anche diffuso il resoconto trimestrale del 3Q con poche notizie degne di menzione. Può essere interessante il fatto che il fondo “Milan Prime Office”, posseduto totalmente da Unicredito Imm.1, sia in trattativa per rifinanziare il leasing immobiliare sottostante l’immobile in Via Monte Rosa a Milano. Per l’importante cespite di Via Boncompagni a Roma non si segnalano progressi sul fronte burocratico iniziato, ci risulta, da oltre due anni.

La lentezza di questo progetto, non ascrivibile alla Sgr, costituisce un emblema delle cose che non funzionano nel nostro paese. La Sgr ha iniziato l’iter di riconversione da alberghiero in residenziale anche per l’immobile in Via Dehon e occorre attendersi tempistiche allungate come per l’altro immobile. Infine entro fine anno Brembo avrà la possibilità di esercitare l’opzione di acquisto della sua sede ma non vi sono trattative in corso su questa eventualità.

Unicredito Immobiliare 1 (+5.7%) nell’ultimo mese ha conosciuto un deciso rialzo peraltro accompagnato da scambi superiori alla media delle ultime 52 settimane. Dopo un mese di ottobre spumeggiante i fondi chiusi immobiliari hanno intrapreso una certa correzione (-1.4%), mantenendo comunque una performance brillante da inizio anno (+15.9%).

Investietico (+0.9%) ha ulteriormente arrotondato la già brillante performance del 2013 (+32.5%), beneficiando anche di qualche buona notizia sul fronte gestionale. Si registra, invece, un inversione di tendenza da parte di Immobiliare Dinamico che nell’ultimo mese registra significative prese di beneficio (-6%).

 

Dinamica del QF-Norisk index (fondi chiusi immobiliari) rispetto a FTSE E/N Italy e EMU

QFNORISK_OK

Dinamica degli indici del mercato immobiliare mondiale

Indici_immobiliari

I migliori reits & dintorni in Europa

REITs_migliori

I fondi immobiliari – le performances del mercato

Fondi chiusi immobiliari

 

Marcello Rubiu
marcello.rubiu@norisk.it

Sono laureato in Scienze Statistiche e in Economia e Commercio alla Università Cattolica di Milano. Dopo un esperienza nel comparto industriale mi occupo di investimenti dal 1999 e sono socio fondatore di Norisk.